Articoli con tag: bambini

I viaggi dell’Anima, tante storie: “Nella casa di Ancien Goose”

Testo e foto di ©Cinzia Valtorta

Il seguente brano può essere ascoltato durante la lettura, se gradito

“L’Amore verso sé stessi si riflette sul mondo

Lungo la via si vede una casa con un bel giardino, rigoglioso di alberi e fiori, è abitata da un’anziana donna che vive da sola. Sebbene i figli le facciano visita, la si vede spesso camminare sola, in giardino o seduta in veranda a prendere il fresco.

Lei è in parte consapevole del suo potere, perché quella donna è un’antica maga chiamata Ancien Goose. La traduzione italiana non rende merito all’importanza di questo nome.

Nell’antichità l’oca, goose in inglese, era la messaggera degli dei. Per la loro sensibilità le oche erano tenute in grande considerazione, prevedevano i pericoli e li segnalavano con largo anticipo, così come salvarono il Campidoglio dalla presa dei Galli. Essa era anche associata alla simbologia della Grande Madre, perché al tempo di Greci e Romani l’oca era legata alla fertilità della terra.

I Celti le consideravano messaggere dell’Aldilà e venivano addomesticate affinché accompagnassero i viandanti al tempio. Gli indiani la ritenevano simbolo di forza vitale (Prana).

Così come l’oca migra in paesi caldi, anche l’anima si sposta, di esistenza in esistenza, fino a giungere all’illuminazione. Nella cultura indiana l’oca si chiamava hamsa, significato di respiro, e hamsa è anche l’amuleto contro la negatività per ebrei e musulmani, un simbolo importante, legato alla vita e alla fertilità.

D’improvviso questa donna ha rivelato un profilo segreto in una dimensione parallela.

Ricordo quando ero bambina, provavo una sommessa curiosità per lei ed una sorta di ammirazione, tanto che avrei voluto vedere mia madre come lei

Un giorno, di questi tempi, ho visto la porta d’ingresso aperta, lo sbirciare attraverso è stato inevitabile. Poco si vedeva lungo il corridoio in penombra, l’immagine si è però fissata nella mente, dove il corridoio mutava man mano rispetto alla realtà. Nella nuova visione vedo carte da gioco aleggiare lungo quel corridoio, fra le quali spiccano regine di cuori e picche.

Senza riferimento alcuno ad “Alice nel paese delle meraviglie”, le carte da gioco, ed in particolare le donne di cuori e picche, hanno avuto attrazione particolare in me. Le avevo notate fin da bambina, le osservavo mentre gli adulti giocavano a carte, le donne mi attraevano in modo particolare.

Scopro da questo blog (http://www.manuelmarangoni.it/onemind/2747/chi-sono-i-personaggi-disegnati-sulle-carte-da-gioco-principali/) che i personaggi raffigurati sulle carte da gioco sono state persone reali.

In quel corridoio vedo dunque carte da gioco che, volteggiando vanno a formare schemi, mutano continuamente, in una sorta di danza, come a simboleggiare la mutazione degli eventi, e vedo me stessa camminarci attraverso, le carte da gioco danzanti davanti a me, ho quasi la tentazione di afferrarne una, se lo facessi, cosa accadrebbe?

Incautamente o volontariamente prendo una carta, la guardo tra le mie dita, è una comunissima carta da gioco, la osservo in controluce, è bella, sono affascinata dai colori, i disegni intarsiati. Gli occhi posati sulla carta catturano un movimento rapido, alzo lo sguardo appena in tempo per vedere le carte arrestare bruscamente la loro danza aerea, e disporsi, in rapida successione, in altri schemi. Chissà quali progetti di vita ho interrotto e riprogrammato? Qualcosa mi dice che gli eventi accadono in continuazione, cambiando il corso delle cose, forse non è un male quel che è successo.

Lungo il corridoio ci sono diverse porte, tutte chiuse, nella realtà conducono nei vari locali della casa, ma qui ora le cose sono cambiate, sicuramente se ne aprissi una troverei qualcosa di molto diverso da una cucina o un soggiorno.

Mi piazzo davanti alla porta che, ricordo essere stata quella della cucina, la guardo per un po’, indecisa se aprirla, poi appoggio lentamente una mano sulla maniglia, la percepisco leggermente calda, vibrante, come se fosse attraversata da una debole corrente, lentamente l’abbasso… la porta si apre: mi appare la cucina, come la ricordo quando l’avevo vista da bambina, pare non essere cambiato niente, perfino l’odore è rimasto uguale, un misto di torta di mele e biancheria stirata. In questo momento non c’è nessuno, come nel resto della casa.

Rimango all’interno a respirare il buon, antico odore, pervasa dai ricordi. Sento tanta tenerezza ed una profonda nostalgia. Mi rivedo una piccola bimba, intenta a giocare con le figlie della donna, all’incirca della stessa mia età, ed è così che si palesa la scena d’improvviso, come un vecchio filmato iniziato in questo istante, sovrapponendosi alla visione della cucina, le persone prendono vita, io posso soltanto restare sulla soglia della porta, unica spettatrice. Vedo le bambine, me compresa, giocare tra loro, con le bambole e altri giocattoli, vedo la donna preparare una merenda per i bambini presenti, sento il profumo delizioso di budino al cioccolato, e ne ricordo il sapore fantastico. Chiudo gli occhi per assaporare tutto meglio, dentro di me provo amore infinito, che sale dal centro, fino ad erompere all’esterno. Vorrei vedere altre scene del genere, ma qualcosa fuori dalla cucina attrae la mia attenzione, mi volto, dalla porta  intravedo una parte di corridoio, le carte da gioco si muovono sospese cambiando continuamente posizione. Volto lo sguardo di nuovo verso la cucina, la scena di poco prima è scomparsa, la cucina è di nuovo silenziosa e deserta. Quanto mi piacerebbe vedere di nuovo quelle bambine giocare insieme, al ricordo di quelle immagini provo una grande tenerezza.

Presa da un’azione istintiva mi dirigo verso i pensili e, senza pensieri comincio ad aprirli, trovandovi pentole, mestoli, piatti e bicchieri, e poi ingredienti base per preparare semplici pietanze. Sempre guidata dall’istinto,  prendo un pentolino, un mestolo e cerco gli ingredienti per realizzare un budino al cioccolato. Trovo tutto ciò che mi serve e mi metto all’opera. In breve tempo la cucina si riempie del dolce ed avvolgente aroma di cioccolato. Ancora pochi minuti ed il budino è pronto. Prendo una scodella, me ne verso un mestolo e la metto sul tavolo, mi siedo e resto a guardare la tazza fumante, sentendo il dolce profumo. Chissà se si è diffuso per tutta la casa?

Avvicino la scodella e ne assaporo ancora l’aroma intenso e dolce di cacao, poi prendo un cucchiaino, lo intingo nel budino e, pian piano, lo avvicino alle labbra, la temperatura è perfetta, lo assaggio….il dolce sapore di cioccolato e vaniglia si scioglie in bocca, diffondendo in me calore e tenerezza. Affiorano le lacrime di commozione al ricordo del dolce aroma che avevo sentito da bambina per la prima volta.

Come d’incanto alla tavola appaiono le figlie della donna, nell’aspetto di piccole bambine, mentre stanno consumando la loro merenda a base di budino al cioccolato e, insieme a loro, ci sono anch’io, nella veste di bambina e nella forma odierna, due volte io. Infiniti sono l’amore e la tenerezza che provo alla vista di questa scena. Terminiamo tutti insieme la nostra merenda, poi mi alzo, raccolgo le tazze e le posate e le ripongo nel lavello. Mentre lavo le bambine riprendono i loro giochi, termino il lavoro e, con naturalezza mi avvicino a loro, pare però che non mi vedano, agiscono come se io non ci fossi. Guardo verso il corridoio attraverso la porta aperta della cucina, dove le carte da gioco sospese continuano le loro danze del fato e noto che ora, invece, si sono fermate. Mi allontano dalle bambine, intente nei loro giochi, per avvicinarmi alle carte e queste, improvvisamente, riprendono a smistarsi nell’aria. Compio alcuni passi indietro, in direzione delle bambine e, di nuovo, le carte si fermano, mi stanno semplicemente indicando di non interagire con ciò che è stato, ma semplicemente osservarlo con discrezione, così mi volto di nuovo verso le bimbe e, da dove mi trovo, le osservo con immensa tenerezza, guardo soprattutto me stessa e, seppur nella veste di piccola, mi riconosco in lei da sempre, provo infinito amore per la me stessa bimba e, istintivamente mi circondo in un abbraccio, lacrime calde e morbide scendono, rigando delicatamente le guance.

Per brevi istanti la me stessa bambina alza il visino nella mia direzione, mi guarda e mi sorride spontaneamente, felice, io la guardo a mia volta con infinito amore, ci sentiamo unite, come appartenerci da sempre, io in lei, lei in me, entrambe una mente, due corpi, una sola anima. In lei scopro il progetto di cambiare il corso degli eventi, affinché si faccia tesoro degli insegnamenti ricevuti e non si commettano più gli errori di sempre. Ecco, ora mi è chiaro, questo io devo fare, modificare la storia di vita vissuta, ripetuta all’infinito, affinché questa bambina, e tanti altri bambini come lei possano crescere liberi da vecchi condizionamenti.

Inaspettatamente la bimba si alza dai suoi giochi, si allontana dalle sue piccole amiche e viene verso di me, mi guarda con il suo visino in su, sorridente, mi tende una manina che prendo con infinita delicatezza, il cuore balza nel petto, gioioso, entrambe poi ci avviamo lungo il corridoio che svanisce ai nostri occhi, insieme attraversiamo un bellissimo arco di luce, mentre le carte, alle nostre spalle, proseguono imperterrite il loro gioco del fato.

Entriamo in un tunnel luminoso, mano nella mano, io e la mia bimba, la guardo ancora, lei mi guarda a sua volta sorridente mentre veniamo avvolte dalla luce. È in quell’attimo che formulo il pensiero di prendermi cura di lei con immenso amore

farfalla 5

 

Annunci
Categorie: favole e racconti | Tag: , , , , , , , ,

I viaggi dell’Anima, tante storie: “Nella fabbrica di Babbo Natale”.

Testo e foto di ©Cinzia Valtorta

 

Una favola moderna con un lieto fine….

Ci avviciniamo in volo verso i paesi nordici, qui è solo neve, ghiaccio e bufere ma a bordo del nostro mezzo di trasporto siamo al sicuro da ogni tipo di intemperie, possiamo attraversare perfino una tempesta senza esserne danneggiati, è caldo, confortevole e luminoso, se vogliamo riposare, ci ricaviamo uno spazio per noi nella penombra per rilassarci meglio.
Tra poco sorvoleremo la zona dove vive Babbo Natale. Dal nostro mezzo vediamo una vasta landa desolata, chilometri e chilometri di neve a perdita d’occhio riflessa dalla luce della luna, ma ecco che all’orizzonte appaiono luci, ci avviciniamo ad esse, diventano man mano sempre più distinte, le luci provengono dalle finestre di una grande casa ad un solo piano, la luce è calda ed illumina anche l’esterno, sulla neve si proiettano le sagome delle finestre, quella luce sembra dare allegria e calore.
Ora che siamo abbastanza vicini possiamo vedere coccarde rosse appese alle finestre, rendono la casa gioiosa, perfino una musica natalizia è diffusa all’esterno, non ne comprendiamo la lingua. ma la melodia è gradevole. La nostra guida ci invita a prepararci per scendere, ci suggerisce di coprirci molto bene anche se pochi passi ci separeranno dal nostro mezzo e la casa, il freddo pungente non lascia scampo nemmeno per brevi istanti.
Ecco, stiamo camminando sul terreno innevato, fa davvero un gran freddo, i nostri passi scricchiolano, il suono è forte nell’immenso silenzio che ci circonda, dato che la musica di poco fa è cessata. Ci avviciniamo all’ingresso, un’enorme coccarda rossa e bianca è appesa ad una grande porta che pare essere in metallo piuttosto che di legno, la luce dall’interno, calda, splendente ci lascia immaginare un ambiente accogliente ed allegro, la coccarda rossa ci rimanda il benvenuto ed il freddo mordente ci toglie il fiato.
Finalmente la porta si apre ed entriamo. Veniamo investiti da un gran caldo, luci abbaglianti, suoni e rumori forti, indefiniti ci rendono confusi, estraniati nell’ambiente in cui ci troviamo. Eravamo convinti di trovare un luogo bello, allegro, fiabesco, invece ci vediamo immersi in una cacofonia allucinante, le immagini classiche degli aiutanti di Babbo Natale, che lavorano con amore e felicità, svaniscono di colpo dalla mente di fronte al caos e al disordine che ci si parano invece davanti

Nella fabbrica di Babbo Natale gli elfi sono molto indaffarati, instancabili preparano pacchi dono, costruiscono giocattoli, controllano gli indirizzi, si muovono frenetici, scambiandosi frasi e battute, eppure in sottofondo la musica che si ode è una musica natalizia stonata. Lavorano senza sosta fino al suono di una campanella, per poi interrompersi per un breve periodo, riprendendo le proprie postazioni. Guardandoli ci ricordano gli operai di grandi fabbriche, dove un sorvegliante si accerta che i lavoratori non si alzino senza permesso, che non facciano pause al di fuori del loro tempo previsto, che non si perdano in chiacchiere e non si distraggano.

Tutti sono talmente indaffarati da non notare nemmeno la nostra presenza. Noi restiamo in piedi, di fronte all’ingresso, guardando il posto esterrefatti. Passano diversi minuti e ancora non ci siamo mossi, la musica è frastornante, musiche natalizie, così sembra di capire, che paiono suonate e cantate da una banda ubriaca. A tutt’ora nessuno è venuto verso di noi, la nostra guida si addentra nella fabbrica per cercare uno dei responsabili ed avvisarlo del nostro arrivo.

Poco tempo dopo vediamo il ragazzo, che ci fa da guida, tornare accompagnato da un elfo, sudato e paonazzo. Egli ci guarda con occhi stralunati, salutandoci si scusa di non averci visto prima, poi procedendo sempre di fretta, ci fa strada verso l’interno di quella che, a tutti gli effetti, è una fabbrica. Prima di iniziare la visita turistica deve presentarci al capo, che ci spiegherà delle cose a riguardo. Il suono della campanella segnala la fine di un ciclo, gli elfi si alzano dalle proprie postazioni e, unendosi a fiumana, si dirigono verso una porta, è ora di pausa, credo.

Intanto raggiungiamo la zona degli uffici per incontrare il capo, come aveva detto l’elfo poco fa. Ci avviciniamo ad un gabbiotto sporco e consunto, dalla vetrata rettangolare, che occupa quasi l’intera parete dell’ufficietto, si intravedono pile di scartoffie attraverso vetri sporchi. L’elfo, che ci ha accompagnato fin qua, ci chiede di attendere un istante ed entra nell’ufficio. Esce poco dopo e ci fa cenno di entrare a nostra volta. All’interno si sente uno sgradevole e rancido odore di fumo, forse anche di cibo andato a male. Rumore di una sedia spostata che sfrega le gambe contro il pavimento in modo rude e pesante, passi lenti da peso massimo vengono nella nostra direzione, dietro una pila di schedari spunta un omone, indossa un paio di pantaloni rossi sbragati, una maglia di lana, a mezza manica, sporca ed ingiallita, la barba, ingrigita ed incolta gli copre mezzo viso, come un cespuglio disordinato, mentre un’enorme pancia trasborda da un cinturone nero, ci guarda da un paio di occhialetti tondi e bisunti, la testa ricoperta da ciuffi di capelli bianchicci, con voce biascicata accenna ad un saluto sollevando appena la mano, “ ‘giorno, voi siete….?”,
La nostra guida si presenta e dice il motivo per cui siamo qui, mentre noi ci guardiamo in faccia l’un l’altro, esterrefatti. Colui che ci sta davanti e che ricorda solo lontanamente Babbo Natale, guarda il ragazzo con espressione vacua mentre porta una mano sul retro dei pantaloni e si gratta senza ritegno. “Non ricordo di aver letto la mail che mi hai inviato, …si,… può darsi,….mi sembra di ricordare,…si…forse l’ho anche vista,…eh, ma sai, con tutto quello che abbiamo da fare, qui.” “Ma l’invito era chiaro, e poi noi ora cosa facciamo, non possiamo certo tornare indietro, il mezzo, che ci ha condotti qui farà ritorno solo tra un paio d’ore”.

L’inverosimile babbo natale si gratta la fronte con sguardo inebetito, e produce un suono simile ad un grugnito. “Vabbè, aspettate un momento!”, poi grida un nome irripetibile e, un istante dopo, un altro elfo si avvicina trafelato. Babbo natale dà ordini all’elfo nella loro lingua incomprensibile, l’elfo lo guarda con attenzione annuendo, poi scatta sull’attenti e sparisce in un lampo. Babbo natale si rivolge di nuovo a noi, parlando la nostra lingua: “Un momento ancora, ho dato ordine di farvi vedere la fabbrica. Aspettate qui!”, e senza aggiungere altro, si volta e sparisce di nuovo nella sua tana, sommerso dalle scartoffie.

Ci guardiamo l’un l’altro, confusi, smarriti ma abbiamo un po’ tutti la stessa considerazione, questo non è proprio ciò che eravamo pronti a vedere, e l’idea che ci eravamo fatti era completamente diversa. Abituati alle cartoline natalizie, in cui si rappresenta la grande festa, si vedono i colori sgargianti del rosso, dell’oro, del bianco e in primo piano la grande figura di Babbo Natale con un grande cappuccio rosso, il viso sorridente e rubicondo, la candida barba, che mostra gioia e allegria, fa sentire il calore e vedere i colori del Natale.

Tutto questo esplode improvvisamente, come una bolla di sapone. Ci troviamo dunque qui dentro, in questo posto che ci è stato presentato come la fabbrica di Babbo Natale, ma che non ha niente in comune con quanto appreso, e la figura di Babbo Natale è completamente distorta, dissonante con le cartoline natalizie. Qui dentro egli è un dispotico imprenditore, egoista ed ottuso che riduce in schiavitù il proprio personale con turni massacranti. La confusione regna tra noi, dov’è la verità, quale delle due figure è reale?

La musica che continua ad imperversare, è una musica che di natalizio ha soltanto una traccia, per il resto è una cacofonia urlante e stonata di chitarre isteriche e batterie fracassanti. Ma come fanno questi poveretti a sopportare tutto questo strazio per così tante ore al giorno!?

L’elfo comincia il tour di accompagnamento, scortandoci lungo file di banchi da lavoro, vediamo molti elfi impegnati nella costruzione ed assemblamento di giocattoli, con ritmi da catena di montaggio, un pezzo via l’altro, come fossero essi stessi delle macchine. Mentre guardiamo gli elfi lavorare ci lanciamo occhiate, sbigottiti. Sorveglianti osservano severi gli elfi che lavorano, ma ora stanno osservando anche noi, ci guardano passare, visibilmente seccati della nostra intrusione, sebbene non dicano niente, è chiaro che non ci vogliono tra i piedi. Alcuni giovani elfi devono trasportare pesanti casse, talmente pesanti che faticano in gruppo a spostarle, sempre sotto lo sguardo inesorabile dei sorveglianti, nell’aria si ode l’infernale frastuono dell’incessante lavoro, unito alle onnipresenti canzoni natalizie suonate da rabbiose chitarre metalliche, il rumore toglie ogni briciolo di pensiero, rendendo rabbiosi e stanchi anche noi.

Un forte odore di plastica e petrolio ci prende la gola e dà nausea, è incredibile il numero di pezzi di giocattoli che gli elfi devono fabbricare, da riempirci supermercati.

Un frastuono ci fa voltare verso il portone d’ingresso, giusto in tempo per veder entrare un enorme cassone metallico che viene rovesciato in una grande vasca, tonnellate di plastica e ferraglia si riversano all’interno, mentre un mastodontico argano si abbassa, afferra il gancio e solleva la vasca oscillante, trasportandola sopra le teste degli elfi che non smettono un istante di lavorare. Due gigantesche porte scorrevoli si aprono sul lato opposto all’ingresso, lasciando passare la vasca, diretta alla fonderia, un baccano mostruoso si ode al di là delle porte aperte, sembrerebbe impossibile da pensare, ma c’è chi lavora anche in quel girone infernale, noi guardiamo allibiti, la gola serrata, per lo sgomento ed il forte e pungente odore di metallo fuso che fuoriesce dalla fonderia, oltre che ad una gettata di aria ardente. Il nostro stupore è tale da non poter proferire parola. Ora le porte scorrevoli si richiudono, mentre veniamo di nuovo circondati dal baccano delle musiche natalizie e dal rumore nella fabbrica.

Nel frattempo suona la campanella che segnala il cambio di turno. Gli elfi si alzano dai propri deschi, si allontanano in fila indiana senza una parola tra di loro, mentre nella direzione opposta stanno arrivando i colleghi che li sostituiranno, il movimento delle due colonne di elfi fa in modo che tra di loro non si possano incrociare, scambiandosi commenti o, semplicemente salutandosi.

Storditi proseguiamo il giro, accompagnati sempre dalla nostra guida che ci mostra ora come vengono creati ed assemblati i giocattoli. Ingegneri sono stati contattati per costruire giochi sempre più sofisticati, tanto da sembrare reali nel compiere azioni di propria libera scelta. Si vedono bambolotti che si muovono come veri neonati, buffi animaletti che socializzano con le persone, pupazzetti che si animano e compiono azioni, per non parlare delle play stations, nella versione natalizia c’è sempre la figura di babbo natale come protagonista.

Ci avviciniamo ad un altro ufficio, disordinato e lurido anch’esso, dentro vi lavorano gli impiegati addetti al commerciale, il rapporto con i clienti, le vendite, le ricerche di mercato. Loro dovere è essere sempre i primi, esclusivi, nel piazzare la merce, non lasciando spazio a nessun altro, creando bisogni e desideri da vendere, preziosi come il pane. Il vociare all’interno è caotico, cacofonico, ognuno cerca di urlare più dell’altro per sovrapporre la propria voce e aggressività, non esiste un momento di pace, il delirio è totale, di rumori e voci. Non ne possiamo proprio più, siamo esausti di tutto questo casino infernale, vorremmo credere di non essere nella fabbrica di Babbo Natale ma purtroppo non è così, e tutto è terribile.

La visita guidata volge al termine. L’elfo che ci ha accompagnati deve ora tornare al proprio lavoro. Veniamo scortati di nuovo all’ufficio di Babbo Natale per ricevere il caratteristico omaggio natalizio, due pupazzetti, uno rappresentante Babbo Natale e l’altro una delle sue renne. Uno di noi pone un’ultima domanda a Babbo Natale il quale, nella confusione generale e nel baccano sta sciorinando i soliti convenevoli, e quasi non sente la persona che gli si è rivolta, chiedendo una cosa fondamentale, ovvero che non abbiamo visto le renne. Babbo Natale si interrompe, prende un tono aggressivo mentre ci ordina di andare verso l’uscita, la visita è terminata.

Usciamo, il silenzio della sera ci investe come un treno, il frastuono all’interno della fabbrica era assordante ad un livello sconvolgente. Attendiamo nel buio della sera l’arrivo del nostro mezzo di trasporto. Siamo mogi e non abbiamo voglia di parlare, lo scenario attorno a noi è avvolto nell’oscurità, non c’è la foresta di abeti con la strada ammantata di neve, come negli scenari natalizi, ma soltanto la fabbrica, le finestre illuminano poche centinaia di metri attorno ad essa, rendendo il luogo ancora più solitario e spettrale, noi ci sentiamo rattristati ed anche impauriti, ci stringiamo per darci conforto e scaldarci, qualcuno guarda l’orologio, commentando che il nostro trasporto sarebbe già dovuto essere arrivato.

Sentiamo un rumore in lontananza, un suono indefinibile di qualcosa in avvicinamento, assomiglia al rumore prodotto da un aliante mentre fende l’aria, unito ad un trillo ritmato e costante. Restiamo in trepidante attesa di vedere di cosa si tratta, ora appaiono piccole luci che si muovono su e giù, come sospese.

Il misterioso oggetto è ormai vicino a noi, illuminato da una lunga fila di luci, pare di vedere un’astronave, restiamo a guardare con il naso per aria, timorosi, gli uni stretti agli altri. Dopo aver effettuato alcune virate, lo strano oggetto si allontana per poi toccare il suolo e dirigersi di nuovo verso di noi. Sentiamo un rumore, ci ricorda una mandria di buoi in movimento, lo strano insieme di luci e suoni, avvicinandosi, prende ora forma e consistenza e, sotto le spettrali luci della fabbrica, ecco che ci appare un’incredibile mandria di renne, imbrigliate in fila indiana, trainanti un’enorme slitta, illuminata da centinaia di piccole luci, pare di vedere innumerevoli lucciole, una accanto all’altra. Lo stupore ci rende silenziosi ed attenti, nessuno di noi osa dire una parola.

La slitta si porta lentamente a pochi metri da noi, allora possiamo vedere anche il suo equipaggio, sono tanti bambini che ci guardano, sorridenti ed apparentemente divertiti, i loro visini sembrano essere illuminati di luce propria, non emettono alcun suono, ma nella nostra testa si formano chiaramente frasi che portano un messaggio di pace e conforto: “La Sacra Slitta di Natale vi dà il benvenuto in queste terre, che rappresentano luogo di pace e fratellanza. Da sempre, in questo periodo, partiamo per la grande missione di portare il messaggio a tutti i Fratelli delle Stelle, per celebrare l’unità dei loro popoli. Queste sono le nostre strenne, affinché gli abitanti delle galassie sentano di essere uniti da una grande onda di Amore che li invita ad operare per il bene comune. Ricevete anche voi il nostro augurio, diffondete il messaggio ovunque andate sul vostro pianeta. Che siate benedetti.”
Al termine del messaggio su di noi si leva un pulviscolo dorato che, posandosi delicatamente, ci rende luminosi.

“Non abbiate paura, i Fratelli delle Stelle resteranno sempre uniti.”

L’immensa slitta si muove, trainata dalle renne che presto passano al galoppo e, con una virata, cominciano a sollevarsi, lasciando dietro di sé una scia di luce e polvere d’oro che perdura, anche dopo che la slitta è scomparsa nell’oscurità della notte fredda e stellata.

Dopo pochi istanti sentiamo il rumore di un altro mezzo in avvicinamento, il nostro mezzo di trasporto è tornato a prenderci, mentre in lontananza notiamo ancora il bagliore dorato lasciato dalla slitta. Saliti a bordo, l’autista commenta la bellezza di questa notte, insolitamente intensa, tanto che le stelle hanno un particolare bagliore. Noi conosciamo la vera origine di quella scia dorata, ci guardiamo, sorridendo, nel nostro cuore è vivo il messaggio di Amore che presto diffonderemo, ovunque andremo.

Buon Natale

foto di Luciano Magni Bergfantouring
paesaggio notturno

Categorie: favole e racconti | Tag: , , , , , , , , , , , , ,

I viaggi dell’Anima, tante storie: “Bambini”

Noi

foto di copertina di Rifugio Giussani Rifugio Giussani

Testo e foto finale di ©Cinzia Valtorta

Percorro una strada sterrata e polverosa che attraversa l’aperta campagna, è una bella e soleggiata giornata di luglio, nell’aria si ode il canto della cicala ed il cinguettio degli uccelli, l’aria è calda, io sono a piedi, mentre cammino respiro l’aria che profuma di terra e cereale maturo. Sul lato destro della strada vedo un campo di grano, le spighe bionde ondeggiano leggermente alla sottile brezza che ogni tanto porta un po’ di aria e sollievo alla carezza cocente del sole, sul lato sinistro le mura di cinta di una proprietà agricola costeggiano la strada, proseguono sul lato ancora per un centinaio di metri, fino al limitare di un altro campo di cereali.
D’improvviso dall’angolo del muro spunta un bambino su una bicicletta, lesto gira e comincia a percorrere la strada sterrata, andando nella direzione opposta alla mia, è così affannato a pedalare da non notarmi nemmeno, io lo guardo correre sulla sua piccola bici, arrivato all’angolo opposto del muro di cinta svolta, sparendo alla mia vista.

Intanto ho raggiunto l’angolo del muro dal quale era spuntato il bimbo, lancio un’occhiata, mi aspetto di vedere una stradina, un sentiero, ma resto di stucco vedendo le spighe di cereale delimitare il campo a ridosso del muro di cinta che prosegue per centinaia di metri. Ma allora, come ha fatto quel bimbo a sbucare da lì con la bici? Una domanda che pare a lungo restare senza una risposta.
Un rumore mi distrae alle mie spalle, mi volto per non vedere nulla mentre dietro di me odo distintamente lo scricchiolio di ruote di bicicletta sullo sterrato e l’inconfondibile suono del cricchetto che ronza, mi volto di scatto e vedo di nuovo il bimbo che mi passa accanto, veloce, come prima svolta l’angolo e lesto sparisce. Ora mi piazzo proprio dove termina il muro di cinta e inizia il campo, voglio vedere da dove arriverà il bambino. Attendo per un bel po’ ma nessuno sbuca.

Decido di proseguire e, proprio in quel momento sento di nuovo la bicicletta arrivare alle mie spalle, mi volto di scatto, il bimbo sopraggiunge trafelato nella mia direzione, pare ancora non avermi visto, ma invece che svoltare all’angolo delle mura, prosegue diritto per un centinaio di metri davanti a me, girando poi a sinistra e sparendo tra gli alberi.

Ora la situazione si sta facendo curiosa, voglio proprio vedere da dove arriverà il bambino la prossima volta, me ne sto quindi ferma ad aspettare il suo passaggio.
I minuti trascorrono senza che alcunché accada. Sto quasi per spazientirmi, quando sento il rumore della bici in avvicinamento, non capisco però stavolta da che parte stia arrivando, mi guardo intono concitata…
Eccolo, il bimbo sta giungendo dalle mura di cinta, non capisco però da dove sia sbucato, sta pedalando velocemente, come se fosse inseguito, infatti si volta indietro e prosegue spedito. Dopo pochi istanti, dal muro sbuca letteralmente un’altra bicicletta, in sella c’è una bambina che rincorre il bimbo, il quale ora mi sta passando accanto, concentrato sul suo mezzo, il busto leggermente piegato in avanti, le gambe, come due pistoni, mulinano sui pedali. La cosa sorprendente è che la bambina si è materializzata uscendo dal muro di cinta, lasciandomi stupefatta. Allora il bimbo si è manifestato allo stesso modo, apparendo all’improvviso, come se arrivasse da un’altra dimensione.
Osservo per un po’ i due bambini inseguirsi, sparire e comparire di nuovo, provando un’immensa tenerezza, sentendomi per nulla turbata dalle loro improvvise apparizioni. Ho la sensazione che questa cosa sia del tutto normale, accetto l’evento, carico di gioia e magia e lesto emerge un ricordo di me stessa bambina che, giocando, accettavo l’esistenza di un mondo invisibile ed ultraterreno, come se facesse parte della realtà, riconoscendo l’immenso potere creativo.

Distratta da questi ricordi e pensieri, mi avvedo solo adesso che la bambina si è fermata di fronte a me e mi sta guardando, io la guardo a mia volta, il suo aspetto mi incuriosisce, mi rendo conto che ricorda me stessa quando avevo la sua età. La bambina, guardandomi, mi sorride e mi saluta, ricambiata da me e subito dopo le chiedo il nome. Lei non risponde ma continua a guardarmi sorridente. Il bimbo intanto è sopraggiunto e si ferma accanto a lei, per la prima volta mi vede, mi osserva, non dice nulla, un bimbo grazioso, capelli biondi, leggermente ondulati, piccoli occhiali tondi sul nasino coperto di lentiggini, una bella carnagione appena abbronzata, di chi è spesso all’aperto e vellutata, incantati occhi azzurri. La bambina mi fissa per un lungo istante, non dice niente ma i suoi occhi parlano per lei, pare vogliano dire: “Ti ricordi?”.

Sì, che mi ricordo, quando alla sua età giocavo spensierata nel giardino di casa e, dal nulla mi inventavo tanti giochi, il mondo si trasformava davanti ai miei occhi e tra le mie manine, perfino un sasso diventava un oggetto prezioso e, soprattutto, quando gli altri bambini erano ancora nelle loro case, e io ero fuori a giocare da sola, in realtà non lo ero mai, perché insieme a me c’era un mondo intero, invisibile solo agli occhi degli adulti che avevano perduto la magia che è dentro ad ognuno di noi, e dimenticato il potere di risvegliarla.
Sì, che mi ricordo, di tutte le volte che il giardino di casa era un mondo da scoprire e di quanta paura avessi a scendere in cantina da sola, perché là, nel sottoscala, si apriva una voragine nera dalla quale uscivano esseri spiritati, e delle parole magiche da pronunciare per tenerli a bada e, di ogni volta in cui salivo sulla mia bici e partivo per viaggi lontani e di quando mi fermavo contro il muro e pretendevo di passarci attraverso. Sebbene il muro non si spostasse, il mio pensiero formulava l’azione e nella mia fantasia lo oltrepassavo.
Sono ancora concentrata sui miei ricordi quando i due bambini ripartono sulle loro biciclette, svoltando lungo un sentiero tra gli alberi, affiancati si prendono per mano e, continuando a pedalare, svaniscono come i sogni allo spuntare del giorno.

io-nelle-terre-di-coppi

 

 

 

Categorie: favole e racconti | Tag: , , , , , , , , , , ,

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.