I viaggi dell’Anima, tante storie: “Bambini”

Noi

foto di copertina di Rifugio Giussani Rifugio Giussani

Testo e foto finale di ©Cinzia Valtorta

Percorro una strada sterrata e polverosa che attraversa l’aperta campagna, è una bella e soleggiata giornata di luglio, nell’aria si ode il canto della cicala ed il cinguettio degli uccelli, l’aria è calda, io sono a piedi, mentre cammino respiro l’aria che profuma di terra e cereale maturo. Sul lato destro della strada vedo un campo di grano, le spighe bionde ondeggiano leggermente alla sottile brezza che ogni tanto porta un po’ di aria e sollievo alla carezza cocente del sole, sul lato sinistro le mura di cinta di una proprietà agricola costeggiano la strada, proseguono sul lato ancora per un centinaio di metri, fino al limitare di un altro campo di cereali.
D’improvviso dall’angolo del muro spunta un bambino su una bicicletta, lesto gira e comincia a percorrere la strada sterrata, andando nella direzione opposta alla mia, è così affannato a pedalare da non notarmi nemmeno, io lo guardo correre sulla sua piccola bici, arrivato all’angolo opposto del muro di cinta svolta, sparendo alla mia vista.

Intanto ho raggiunto l’angolo del muro dal quale era spuntato il bimbo, lancio un’occhiata, mi aspetto di vedere una stradina, un sentiero, ma resto di stucco vedendo le spighe di cereale delimitare il campo a ridosso del muro di cinta che prosegue per centinaia di metri. Ma allora, come ha fatto quel bimbo a sbucare da lì con la bici? Una domanda che pare a lungo restare senza una risposta.
Un rumore mi distrae alle mie spalle, mi volto per non vedere nulla mentre dietro di me odo distintamente lo scricchiolio di ruote di bicicletta sullo sterrato e l’inconfondibile suono del cricchetto che ronza, mi volto di scatto e vedo di nuovo il bimbo che mi passa accanto, veloce, come prima svolta l’angolo e lesto sparisce. Ora mi piazzo proprio dove termina il muro di cinta e inizia il campo, voglio vedere da dove arriverà il bambino. Attendo per un bel po’ ma nessuno sbuca.

Decido di proseguire e, proprio in quel momento sento di nuovo la bicicletta arrivare alle mie spalle, mi volto di scatto, il bimbo sopraggiunge trafelato nella mia direzione, pare ancora non avermi visto, ma invece che svoltare all’angolo delle mura, prosegue diritto per un centinaio di metri davanti a me, girando poi a sinistra e sparendo tra gli alberi.

Ora la situazione si sta facendo curiosa, voglio proprio vedere da dove arriverà il bambino la prossima volta, me ne sto quindi ferma ad aspettare il suo passaggio.
I minuti trascorrono senza che alcunché accada. Sto quasi per spazientirmi, quando sento il rumore della bici in avvicinamento, non capisco però stavolta da che parte stia arrivando, mi guardo intono concitata…
Eccolo, il bimbo sta giungendo dalle mura di cinta, non capisco però da dove sia sbucato, sta pedalando velocemente, come se fosse inseguito, infatti si volta indietro e prosegue spedito. Dopo pochi istanti, dal muro sbuca letteralmente un’altra bicicletta, in sella c’è una bambina che rincorre il bimbo, il quale ora mi sta passando accanto, concentrato sul suo mezzo, il busto leggermente piegato in avanti, le gambe, come due pistoni, mulinano sui pedali. La cosa sorprendente è che la bambina si è materializzata uscendo dal muro di cinta, lasciandomi stupefatta. Allora il bimbo si è manifestato allo stesso modo, apparendo all’improvviso, come se arrivasse da un’altra dimensione.
Osservo per un po’ i due bambini inseguirsi, sparire e comparire di nuovo, provando un’immensa tenerezza, sentendomi per nulla turbata dalle loro improvvise apparizioni. Ho la sensazione che questa cosa sia del tutto normale, accetto l’evento, carico di gioia e magia e lesto emerge un ricordo di me stessa bambina che, giocando, accettavo l’esistenza di un mondo invisibile ed ultraterreno, come se facesse parte della realtà, riconoscendo l’immenso potere creativo.

Distratta da questi ricordi e pensieri, mi avvedo solo adesso che la bambina si è fermata di fronte a me e mi sta guardando, io la guardo a mia volta, il suo aspetto mi incuriosisce, mi rendo conto che ricorda me stessa quando avevo la sua età. La bambina, guardandomi, mi sorride e mi saluta, ricambiata da me e subito dopo le chiedo il nome. Lei non risponde ma continua a guardarmi sorridente. Il bimbo intanto è sopraggiunto e si ferma accanto a lei, per la prima volta mi vede, mi osserva, non dice nulla, un bimbo grazioso, capelli biondi, leggermente ondulati, piccoli occhiali tondi sul nasino coperto di lentiggini, una bella carnagione appena abbronzata, di chi è spesso all’aperto e vellutata, incantati occhi azzurri. La bambina mi fissa per un lungo istante, non dice niente ma i suoi occhi parlano per lei, pare vogliano dire: “Ti ricordi?”.

Sì, che mi ricordo, quando alla sua età giocavo spensierata nel giardino di casa e, dal nulla mi inventavo tanti giochi, il mondo si trasformava davanti ai miei occhi e tra le mie manine, perfino un sasso diventava un oggetto prezioso e, soprattutto, quando gli altri bambini erano ancora nelle loro case, e io ero fuori a giocare da sola, in realtà non lo ero mai, perché insieme a me c’era un mondo intero, invisibile solo agli occhi degli adulti che avevano perduto la magia che è dentro ad ognuno di noi, e dimenticato il potere di risvegliarla.
Sì, che mi ricordo, di tutte le volte che il giardino di casa era un mondo da scoprire e di quanta paura avessi a scendere in cantina da sola, perché là, nel sottoscala, si apriva una voragine nera dalla quale uscivano esseri spiritati, e delle parole magiche da pronunciare per tenerli a bada e, di ogni volta in cui salivo sulla mia bici e partivo per viaggi lontani e di quando mi fermavo contro il muro e pretendevo di passarci attraverso. Sebbene il muro non si spostasse, il mio pensiero formulava l’azione e nella mia fantasia lo oltrepassavo.
Sono ancora concentrata sui miei ricordi quando i due bambini ripartono sulle loro biciclette, svoltando lungo un sentiero tra gli alberi, affiancati si prendono per mano e, continuando a pedalare, svaniscono come i sogni allo spuntare del giorno.

io-nelle-terre-di-coppi

 

 

 

Annunci
Categorie: favole e racconti | Tag: , , , , , , , , , , ,

Navigazione articolo

I commenti sono chiusi.

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: